Francesco Carlà

Risultati per investitori intelligenti dal 1999


Da più di trent'anni investo in azioni quotate a Wall Street, in Italia e nel Mondo. Nel 1999 ho fondato FinanzaWorld con questa idea: aiutare gli Investitori italiani ad investire in autonomia dalle banche, guadagnando tempo e denaro. I nostri Abbonamenti (e portafogli) Premium continuano a battere gli Indici anno dopo anno. Se vuoi saperne di più scrivimi a: f.carla@finanzaworld.it oppure clicca qui.

Investitori Intelligenti

Dialoghi con mio figlio sull'investimento intelligente

"Investitori Intelligenti" è il nuovo Podcast di Finanzaworld, dal 1999 la più grande comunità italiana di investitori. Ogni settimana mezzora con Lodovico e Francesco Carlà su argomenti davvero decisivi per Investire in modo Intelligente.

Gli stessi che stiamo usando a FinanzaWorld dal 1999 e che hanno procurato a decine di migliaia di abbonati rendimenti medi annuali superiori al 13% composto. Investire senza scommettere!

Fondata da Francesco Carlà, FinanzaWorld è considerata (Sole 24 Ore) la bibbia degli investitori italiani che usano quotidianamente i suoi eBooks, le newletters, gli abbonamenti Premium, SuperPremium e Platinum, per investire in modo autonomo ed indipendente.

Lodovico Carlà (1994), laurea magistrale in economia e management, investe da quando aveva 12 anni ed è noto nella community di FinanzaWorld per avere avuto in portafoglio Apple già negli anni 2000.

FC Consiglia

Ogni settimana un consiglio di Francesco Carlà per investire in modo intelligente

In questo Podcast settimanale 2 Consigli finanziari di Francesco Carlà; 2 sintesi di libri che ha appena letto (o che pensa indispensabili); in più il link ad un articolo che gli è piaciuto molto.

E la Citazione Finale.

Clicca qui per iscriverti alla newsletter settimanale di Francesco Carlà Consiglia

FC Consiglia

Ogni 7 giorni un Consiglio finanziario dal sottoscritto; una brevissima sintesi di un libro che ho appena letto (o che penso sia indispensabile); in più il link ad un articolo che mi è piaciuto molto.

Clicca qui per l'archivio completo

Il Test di Buffett per avere Successo
(puntata 196 del 26/11/2022)

Inutile che io presenti Warren Buffett: il più grande investitore di tutti i tempi, l'unico ad essere stato (per decenni) nella top 3 degli uomini più ricchi del mondo senza aver dovuto inventare nulla di straordinario.

E senza aver inventato nulla di nuovo nemmeno nel mondo dell'investimento.

Infatti i suoi principi e metodi sono un sapiente (e rigorosissimo nell'applicazione) mix dei metodi di altri grandi maestri: Graham, Fisher etc.

A mia volta, ho studiato con molta attenzione tutte le tracce che Buffett ha lasciato nelle sue lettere agli investitori di Berkshire (il suo veicolo finanziario) e in mille altre occasioni pubbliche e private.

Mi sono spinto fino a partecipare personalmente alla convention annuale che si tiene ad Omaha, Nebraska in primavera.

Questo per dire che non sono esattamente un osservatore superficiale dei principi e dei metodi di Buffett (e del suo socio anziano Charlie Munger).

Principi e metodi che spesso condividiamo qui a FinanzaWorld e che abbiamo mescolato con i nostri.

E, come sapete, dal 1999 funzionano piuttosto bene.

Di recente mi sono imbattuto in una cosa interessante, un test che Warren avrebbe fatto (ma lui nega) al suo pilota personale per 10 anni Mike Flint, un professionista che era stato al servizio di 4 presidenti degli Stati Uniti.

Flint non aveva resistito alla tentazione di chiedere all'Oracolo di Omaha il segreto del suo successo.

La risposta di Buffett è il semplice test che segue, in 3 veloci passaggi:

1 Scriviamo i 25 Obiettivi Top della nostra vita, cioè le 25 cose che ci vengono in mente quando pensiamo a dove vorremmo primeggiare;

2 Adesso dobbiamo fare un cerchietto sui 5 Obiettivi SuperTop (per usare una terminologia cara ai miei Premium di Fw), ovvero le 5 cose che ci stanno più a cuore di ogni altra, le 5 SuperPriorità;

3 A questo punto il pilota di Buffett (e voi Fwiani) si ritrova con due liste: una di 5 SuperObiettivi ed una di altri 20 Obiettivi che non hanno passato lo screening. Warren chiede a Flint come pensa di cominciare a lavorare sulle SuperPriorità e con quale approccio. La risposta sembra convincente: partire subito e con un piano completo per ottenere il successo sperato.

Ma Buffett non tarda a chiedere cosa ne sarà degli altri 20 Obiettivi che sono rimasti fuori?

Flint replica che non sono urgenti, ma che continuerà a pensarci e a lavorarci nel tempo che gli resterà.

La reazione di Warren è quasi violenta: NO! Gli altri 20 Obiettivi devono assolutamente essere dimenticati, altrimenti anche i 5 SuperObiettivi ne risentiranno negativamente.

Sintesi secondo Buffett:

1 Scrivete i vostri 25 Obiettivi

2 Evidenziate i vostri 5 SuperObiettivi

3 Evitate di lavorare su qualsiasi Obiettivo che NON siano i 5 SuperObiettivi

Sintesi (modestissima) secondo il sottoscritto:

Fate il vostro test e poi scrivetemi per farmi sapere com'è andata e se siete d'accordo con Buffett.

Io, per una volta, non sono d'accordo -ò-

Se non sapete da che parte cominciare e volete raggiungere i risultati che hanno raggiunto gli abbonati a FinanzaWorld dal 1999 ad oggi scrivete subito a:

lodovico.carla@finanzaworld.it (Citate questa rubrica, vi attende una sorpresa).

Un consiglio finale: se siete novizi di FinanzaWorld partecipate Gratis al Meeting della Finanza democratica on line col sottoscritto, cliccando subito qui.

Il mio libro della settimana (196)

L. Maugeri: Black Twilight

(Marsilio)

Leonardo Maugeri (Firenze, 1964-2017) è stato un manager di fama internazionale che ha ricoperto ruoli fondamentali nell’Eni e presso altri colossi nel mondo dell’energia.

Considerato uno dei massimi esperti mondiali di petrolio, ha scritto diversi libri, tra cui The Age of Oil, originariamente pubblicato negli Stati Uniti e poi in Italia (L’era del petrolio, Feltrinelli 2006). I suoi articoli sono usciti sulle più prestigiose testate internazionali, tra le quali Newsweek, Foreign Affairs, Science, Forbes, The Wall Street Journal, Il Sole 24 Ore.

Questo è il suo romanzo uscito postumo che racconta un mucchio di cose sul petrolio. E sulle guerre che per il suo controllo si sono combattute e ancora si combattono. A qualsiasi prezzo si venda il greggio.

Dove finisce la fantasia di Maugeri e dove comincia la sua lunghissima esperienza con il petrolio?

"Svezia, 1973. Mikael Modig, una spia del Kgb appena passata al servizio degli Stati Uniti, rivela a un agente della Cia di avere le prove di una cospirazione politico-economica di portata planetaria. Tre giorni dopo il suo cadavere viene ripescato da un peschereccio nel golfo di Stoccolma.

Connecticut, 2013. Thomas Bell, un anziano libraio antiquario, viene brutalmente assassinato poco dopo aver consegnato al nipote dei documenti che attesterebbero l’esistenza di un piano ordito da poteri forti che da decenni tramano nell’ombra, teso a provocare una crisi energetica influendo sugli equilibri geopolitici mondiali.

A indagare sul misterioso complotto sono da una parte il celebre giornalista Alex Adelman, esperto di politiche energetiche e rapporti internazionali, e dall’altra Neil Rogers, brillante e anticonformista agente dell’Fbi. Qualcuno però è fermamente determinato a impedire che la verità venga a galla, e non si fa scrupolo di uccidere per evitare che accada.

Tra sanguinosi omicidi e rocamboleschi inseguimenti, in un incalzante susseguirsi di rivelazioni e colpi di scena, verranno svelati tutti i retroscena di una cospirazione che vede coinvolti esponenti politici di primo piano, magnati dell’industria e della finanza, militari senza scrupoli e servizi segreti deviati, portando alla luce verità inaspettate e sconvolgenti."

L'articolo della settimana (196)

Per conoscere meglio Leonardo Maugeri ecco una delle ultime interviste (2016) prima della scomparsa. E' opera di Giuseppe Colombo per l'Huffington Post. E ci sono alcune visioni molto vicine alla profezia. Una cosa che accade spesso alle persone competenti.

Tipo questa:

"È una tempesta perfetta quella di un petrolio che, nonostante i prezzi così bassi, non riesce a far ripartire l’economia: attenti ai facili ottimismi su un’inversione.

Nel 2012, quando dissi che il prezzo sarebbe crollato, mi dissero che ero pazzo.

Oggi, come allora, la mia voce è un po’ fuori dal coro: penso che il peggio debba ancora venire. C’è ancora troppa produzione in eccesso nel mondo e nuova produzione sta arrivando per effetto di investimenti fatti 5-6 anni fa e che adesso si completano. Di fronte a questo eccesso produttivo la domanda cresce poco e non c’è possibilità di riassorbirlo. L’unica soluzione vera a questa situazione è che i grandi produttori si mettano d’accordo per tagliare la produzione".

L'invasione di Putin (forse) non è estranea a questi temi ...

La citazione finale (196)

"Lasciatemi dire una cosa che ho contro Mosè. Ci ha portato per quarant'anni in giro per il deserto per condurci all'unico posto nel Medio Oriente che non ha petrolio".

(Golda Meir, ex-primo ministro israeliano)

A rileggerci la prossima settimana!

Vostro

Clicca qui per accedere all'archivio completo di FC Consiglia

Meeting Permanente della Finanza Democratica

30 minuti per capire cos'è la Finanza Democratica

Partecipa gratuitamente al Meeting

Dichiaro di aver letto e accettato le informazioni sulla privacy.

Partecipa Gratis al Meeting della Finanza Democratica con Francesco Carlà e approfitta dell'offerta inclusa, valida solo per chi non ha mai acquistato un Premium di FW

Come diventare un investitore intelligente?

Per essere investitori "fai da te" intelligenti, bisogna prima di tutto mandare a mente questa idea decisiva: investire non è una scommessa, un colpaccio, uno sprint.

E' una Maratona. Warren Buffett ha trasformato 10.000 dollari, il suo capitale iniziale, in 70 miliardi di dollari. Ma non ci ha messo giorni o mesi. Ci ha messo qualche anno.

Per la precisione: una decina d'anni a diventare milionario (nel 1962 i milioni di dollari avevano ancora il loro fascino. Anche i milioni di euro ce l'hanno, dopotutto, no?).

E una quarantina d'anni a diventare miliardario, sempre in dollari, nel 1990.

Nel frattempo i suoi miliardi sono diventati 70.

L'Investitore intelligente "fai da te" è prima di tutto un Maratoneta.

30 Minuti di Meeting con Francesco Carlà per capire cos'è la Finanza Democratica Basta partecipare a questo Meeting per cambiare le idee sbagliate sul risparmio e sull'investimento che vi sono costate tante delusioni.

In questi anni di Fw (dal 1999) ho coniato una serie di Parole chiave che i Fwiani hanno imparato a conoscere.

Le ripeto alla ricerca della solita chiarezza:

  • Finanza Democratica
  • Metodo Carlà
  • Frullatore di FC
  • La Maratona dell'Investimento

Ma che cos'è esattamente la Finanza Democratica?

I principi della Finanza Democratica sono pochi e davvero alla portata di tutti. Eccoli qua:

  • 1 Nessuno sa, e può, curare il nostro denaro meglio di noi;
  • 2 Imparare ad investire è molto semplice e non serve essere laureati in economia e scienze finanziarie. Basta essere correttamente informati da chi è strutturalmente Indipendente e non deve vendervi nessun tipo di prodotti finanziari. Basta saper fare addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni, divisioni, percentuali, e medie;
  • 3 Grazie ad Internet, è facile e costa molto poco investire da soli e senza intermediari. E' sufficiente aprire un conto bancario on line e le commissioni sono basse e alla portata di tutti gli investitori.
  • 4 Investite solo in quello che capite e conoscete.
  • 5 Non fidatevi di nessuno che vi proponga cose in contrasto con i punti 1, 2, 3 e 4.

Basta partecipare a questo Meeting per cambiare le idee sbagliate sul risparmio e sull'investimento che vi sono costate tante delusioni.

Storia di Laura Rossi

Mi chiamo Laura Rossi, ho 45 anni e vorrei raccontarvi la mia storia. Secondo me può essere utile a tanta gente

Il mio lavoro somiglia a quello di molti italiani della mia generazione: piccola impresa ereditata dai genitori e dai nonni, non si stacca mai, fatica, tasse e qualche soddisfazione.

Negli ultimi anni meno.

Tre generazioni di lavoro e risparmio hanno creato un patrimonio.

Un patrimonio che somiglia a quello di tanti altri piccoli imprenditori e professionisti italiani, immagino: qualche immobile, tra cui la casa dove vivo, buoni del Tesoro e un po’ di altri titoli in portafoglio.

Fino a due anni fa soprattutto fondi di vario genere.

Un giorno mi sono imbattuta in questa tabella:

Per una volta era semplice da capire e la fonte era insospettabile (BlackRock/Morningstar):

Il peggior 'investimento' possibile, a lungo termine (1926/2020), è quello monetario (Bot/conti deposito etc): tolte le tasse e l'inflazione ci si rimette quasi l'1% all'anno (-0.8%). Seguono le obbligazioni (societarie e i titoli di Stato): sempre al netto di tasse ed inflazione si prende solo lo 0.6% netto, ogni anno in media. Poi arrivano le azioni: dal 1926 al 2020, una vera Maratona come diciamo noi a FinanzaWorld, hanno guadagnato il 4.4% medio all'anno, al netto di tasse ed inflazione.

La prima: un calcolatorino dell’interesse composto;
La seconda: un articolo di Francesco Carlà.
Usando il calcolatorino ho scoperto che:
Usando i Bot praticamente i soldi si dimezzano strada facendo (100.000 euro 'investiti' al 0.8% diventano dopo 94 anni 47.000);
Usando le obbligazioni i soldi crescono un po', ma molto lentamente (100.000 euro investiti allo 0.6% diventano dopo 94 anni 175.473);
Usando le azioni i soldi crescono molto e quando dico 'molto' voglio proprio dire Molto (100.000 euro investiti al 4.4% diventano dopo 94 anni 5.725.941).
Già: ho imparato presto che quello che conta è fare meglio dell’indice. Nel caso di Wall Street l’Indice e l’S&P 500. In Borsa con Carla’ sta facendo, dal gennaio 2004, +645%. L’Indice è a quota +241%. (Dati al 26.01.2021)

Sai cos'è la Finanza Democratica?

Se non hai già visto il Meeting Permanente della Finanza Democratica, clicca sul pulsante qui sotto. 30 minuti con Francesco Carlà per cambiare le idee sbagliate sul risparmio e sull'investimento che ti sono costate tante delusioni.

Guarda il Meeting

Domande e risposte

Chiariamo qualche dubbio

  • Che cos'è FinanzaWorld?

    FinanzaWorld è anzitutto libera e Indipendente, priva di qualsiasi conflitto d’interesse.

    Su FinanzaWorld Francesco Carlà ed il suo staff pubblicano ogni giorno commenti e notizie sensibili sul mondo dell’economia, delle Borse e della finanza.

  • Francesco Carlà, già docente all'Università la Sapienza di Roma e all'Università IULM di Milano, da oltre 25 anni si occupa di investimenti, Borsa e comunicazione. Segue la finanza innovativa dal 1995. è autore di articoli, libri e di programmi radio-televisivi.

    Tra le sue pubblicazioni ricordiamo i bestsellers "Trading online. La guida" (2000), "Simulmondo. Vivere Internet" (2001), "Trading online. Seconda Edizione" (2003), Italia-Google (2006) e Finanza Democratica (2009). Per tre anni ogni settimana è stato protagonista su RaiNews24, RAI3 di "Netstocks", il primo magazine tv dedicato all'economia e alla finanza innovative, consulente di molte trasmissioni TV e Radio in RAI e su altri canali (Costanzo show, Invasioni Barbariche, Sky TG 24, Radio Vaticana, Radio Radicale, Radio Capital etc), per quattro anni ha condotto il forum di Borsa sul sito del Corriere della Sera, editorialista di Vanity Fair (Soldi & Felicità) e della Gazzetta dello Sport (Il Risparmiatore). è il presidente e fondatore di FinanzaWorld dal 1999.

  • FinanzaWorld è utile per investire (con profitto) sul medio/lungo termine.

    In generale non riteniamo vantaggioso fare trading sul breve periodo, e anzi, la riteniamo una pratica estremamente rischiosa che in qualche modo può essere paragonata alle scommesse più che agli investimenti.

    Per questo motivo, in generale, non suggeriamo di effettuare trading a breve o brevissimo termine.